Frittata di broccoli ed emmenthaler

Frittata di broccoli ed emmenthaler

Oltre che delle zuppe, sono una grandissima fanatica delle frittate. Se ci pensate, basta aggiungere uova sbattute, un pizzico di sale ed un filo d’olio in padella ed anche l’ingrediente meno amato, diventa una prelibatezza. Per non parlare del fatto che la frittata è uno svuotafrigo eccellente ed un piatto ricco e super economico, ottimo anche come schiscetta.

La mia frittata preferita in assoluto è quella di patate (qui la versione spagnola originale), ma ieri avevo in frigo dei broccoli lessati che nessuno voleva mangiare (figuriamoci se il marito mangia robe verdi di sua spontanea volontà..) e così ho pensato di “frittatizzarli” aggiungendo anche un pezzetto di emmenthaler. E’ venuta talmente buona che ho deciso di condividerla con voi.

E la vostra frittata preferita, qual è?

Ricetta

Ingredienti per una padella da 25cm di diametro (4/6 persone)

  • 1 grosso broccolo
  • 100gr di emmenthaler DOP
  • 3 uova intere
  • 1 presa di sale
  • Olio evo q.b
  • Parmigiano grattugiato q.b.

Procedimento

  1. Lavate e tagliate i broccoli e metteteli a bollire in abbondante acqua salata per circa 20-25 minuti
  2. Quando saranno cotti, scolateli e lasciateli raffreddare in uno scolpasta, in modo da fargli perdere tutta l'acqua in eccesso
  3. Nel frattempo tagliate a pezzettini l'emmenthaler e sbattete le uova con una presa di sale. Se volete, aggiungete anche una manciata abbondante di parmigiano
  4. Quando i broccoli saranno raffreddati, versateli nelle uova insieme all'emmenthaler e mescolate bene, in modo che tutta la verdura sia ricoperta di uovo
  5. Fate scaldare l'olio nella padella e versateci il composto. Coprite e lasciate cuocere una decina di minuti prima di girare la frittata, con l'aiuto di un piatto
  6. Quando la frittata sarà dorata e compatta da entrambi i lati, giratela su un piatto e consumatela calda o anche a temperatura ambiente

Ad Lib

Per una vera ricetta svuotafrigo, potete utilizzare le verdure, i salumi ed i formaggi avanzati.

No Comments